Anthony Corner. Lamentation, Flux and an Empty Bladder

SPARC – Spazio Arte Contemporanea, Venezia

fino al 26 Aprile 2020

A causa dell’emergenza Covid-19, la mostra potrebbe essere chiusa al pubblico fino a nuovo avviso. Vi invitiamo a CLICCARE QUI e controllare il sito Web degli organizzatori per trovare le informazioni e gli aggiornamenti più recenti sulla situazione attuale.

Dopo 3 anni dalla sua prima mostra a Venezia, il pittore inglese Anthony Corner ritorna in città con un nuovo consistente corpo di lavori per la mostra Lamentation, Flux and an Empty Bladder, fino al 26 aprile 2020 presso lo spazio espositivo SPARC*- Spazio Arte Contemporanea. 
Il titolo della mostra sicuramente anticipa al visitatore un certo contesto emotivo e uno specifico modo attraverso cui Corner fa l’esperienza della vita e dell’essere pittore. La scelta di presentare questo recente e nutrito gruppo di nuovi lavori a Venezia non è certo casuale.

Nei suoi dipinti così come in laguna si può passare velocemente dall’oscurità alla luce, dal sordido alla bellezza, in un continuo e perpetuo andirivieni da un estremo all’altro. Nel fango che emerge dai canali, piuttosto che nella fitta nebbia che impedisce di orientarsi o nell’esperienza del camminare lungo le calli buie e strette, Corner ha riconosciuto sensazioni, odori e atmosfere già vissute. Ha sentito con la città una immediata affinità. 


Venezia però, illuminata dalla luce opalescente del mattino o del tramonto, vista attraverso i suoi riflessi sulla superficie calma e piatta della laguna, silenziosa in certi momenti magici della giornata, si apre a degli squarci di bellezza imprevedibili e il respiro di chi la vive si fa tranquillo armonizzandosi con tutto quanto c’è intorno. 
Così, per chi conosce il lavoro di questo artista, sa che la sofferenza, l’angoscia, il tormento si sono imposti a lungo quali motori della sua ricerca di senso. In questa mostra però, nella densa stratificazione del colore cupo che oscura tutto, sotto una spessa coltre, hanno trovato largo ampi squarci di luce: intere porzioni di tela lasciate vuote e bianche. Dal fragore linguistico dei quadri precedenti, dove colore, parole, grafismi e materiali si condensano contaminandosi l’uno con l’altro, in uno straziante lamento che emerge dalla tela, in questa serie di ultime opere si incontra uno spazio silenzioso e la pittura diventa un sollievo dal dolore e una pausa dalla battaglia quotidiana. 


Le oltre 100 opere in mostra, tra grandi dipinti e piccoli lavori, creano nello spazio espositivo un vero e proprio ambiente pittorico, in cui lo spazio stesso diventa contenuto insieme all’opera, offrendo al visitatore un’esperienza immersiva e ravvicinata con l’interiorità dell’artista. 
In occasione della mostra verrà anche presentata la pubblicazione Lamentation, Flux and an Empty Bladder, edita da Number Nine Press. 

Antony Corner: 
Anthony Corner si è laureato al Royal College of Art. È stato artista in residenza presso la Royal Opera House Covent Garden e ha progettato per l’opera. Il suo lavoro è stato ampiamente esposto, già a Venezia nel 2017 e l’anno successivo alla Royal Academy di Londra. Le sue opera sono state acquisite da numerose collezioni private. Vive e lavora a Londra e nell’Oxfordshire. 

Immagini > Installation view – Courtesy SPARC – Spazio Arte Contemporanea